Decorazioni, Pasticcerie, Pagliacci, FotoVideo, Cantanti, Asilo NIdoRistoranti, Bar, GelateriaAvvocati, Dentisti, Medici, Caf, Informatici, tecnici, professionistiEstetica, Parrucchieri, Cosmetici, Nutrizione, BenessereAlimentari, Vestiti- Scarpe, ArtigianatoTours, Biglietteria, Corriere, MutuiRistrutturazioni, Idraulici, Elettricisti, ImbianchiniConsolati e AmbasciateApri la mappa

Locales

Rivoluzione per esame patente: novità del ministero dei Trasporti

Rivoluzione per esame patente: novità del ministero dei Trasporti

3 Abril.- Per la prima volta il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti specifica, nei minimi dettagli, come si devono svolgere gli esami di guida per conseguire la patente B. Meno spazio alle interpretazioni e alla discrezionalità dell’esaminatore, dunque, e più certezze per i candidati ma anche per gli stessi esaminatori.

A partire dal momento in cui ci si mette al volante, con la “regolazione del sedile nella corretta posizione di guida”, la “regolazione di specchietti retrovisori, cinture di sicurezza, poggiatesta”, la “chiusura delle porte” e il “controllo dei dispositivi”. Sono queste le prime cose su cui si sarà giudicati.

Le manovre da effettuare. La norma prosegue poi con la guida vera e propria, entrando nel dettaglio delle manovre che devono essere effettuate. Ne vengono indicate quattro:
-          marcia indietro in linea retta o con svolta a destra o a sinistra, mantenendosi nella corretta corsia;
-          inversione del veicolo, ricorrendo sia alla marcia avanti sia alla marcia indietro;
-          parcheggio del veicolo e uscita dallo spazio di parcheggio (allineato, a pettine dritto o obliquo; marcia avanti o indietro; in piano o in pendenza);
-          frenata di precisione rispetto a un punto di arresto predeterminato (l'esecuzione di una frenata di emergenza è facoltativa).
I candidati devono effettuarne almeno due, di cui almeno una a marcia indietro. Vi sono poi le cosiddette manovre particolari. La circolare ne indica quattro, quelle a maggiore criticità: retromarcia, inversione di marcia, manovre di parcheggio, transito nelle rotatorie.

La valutazione del candidato. La circolare, infine, specifica come dev’essere valutato il candidato. Tra le altre cose, si ribadisce l’immediata bocciatura nel caso di violazione di una norma del Codice della strada che prevede la sospensione della patente (per esempio superare di oltre 40 km/h il limite di velocità, sorpassare in corrispondenza di curve o dossi o in condizioni di scarsa visibilità eccetera). Se, invece, l’eventuale violazione di una norma del Codice della strada non prevede la sospensione della patente, l’esaminatore può consentire la ripetizione della manovra (la stessa cosa può accadere nel caso di manovra errata. Un ulteriore errore, tuttavia, comporterà la bocciatura.

Andranno a scuola anche gli esaminatori. Ma ce n’è anche per gli esaminatori. ''Entro maggio partiranno i corsi di formazione organizzati dal Ministero dei Trasporti, in modo da uniformare il giudizio degli esaminatori su tutto il territorio nazionale'', ha annunciato il segretario autoscuole dell’Unasca, Emilio Patella, secondo il quale la novità è “un vero successo. Abbiamo collaborato per anni per vedere pubblicati questi principi: ora finalmente si stabilisce un'uniformità di insegnamento e di giudizio sull'intero territorio nazionale".