Decorazioni, Pasticcerie, Pagliacci, FotoVideo, Cantanti, Asilo NIdoRistoranti, Bar, GelateriaAvvocati, Dentisti, Medici, Caf, Informatici, tecnici, professionistiEstetica, Parrucchieri, Cosmetici, Nutrizione, BenessereAlimentari, Vestiti- Scarpe, ArtigianatoTours, Biglietteria, Corriere, MutuiRistrutturazioni, Idraulici, Elettricisti, ImbianchiniConsolati e AmbasciateApri la mappa

Locales

Diritti dei passeggeri aerei: Fino € 600 su voli in ritardo‎

Diritti dei passeggeri aerei: Fino € 600 su voli in ritardo‎

31 Julio.- Pronti partenza e via: per molti si avvicina il momento della partenza. Chi in auto, chi in treno e chi in aereo: e durante l’esodo estivo, si sa, bisognerà mettere in conto anche qualche coda e qualche ritardo.

Sono stati quasi 265mila i viaggiatori che nell’estate 2016 hanno visto i loro piani estivi rovinati da un forte ritardo, dalla perdita di una coincidenza o addirittura da un volo cancellato. Gli italiani avrebbero diritto a rimborsi per oltre 94 milioni di euro dalle compagnie aeree per questi disagi e hanno tempo fino a 3 anni dall’accaduto per procedere.

Ma dal dire al fare spesso si mette di mezzo una burocrazia farraginosa, diritti poco in molti casi sconosciuti ai passeggeri e omessi dalle compagnie aeree (meno del 2% degli aventi diritto ha richiesto ed ottenuto il risarcimento).

Tutte le compagnie aeree, comprese le low cost, devono infatti corrispondere da 250 euro a fino 600 euro di rimborso a prescindere dal prezzo pagato per il biglietto acquistato.

I lritardo del volo è disciplinata dal Regolamento Comunitario (CE) n. 261/2004 dell’11/02/2004, pubblicato su G.U. L. 46/1 del 17/02/2004, che ha istituito “Regole comuni in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione e di ritardo prolungato”. A seguito della sentenza n. 402 del 19/11/2009 della Corte di Giustizia Europea, i passeggeri dei voli ritardati sono stati assimilati a quelli dei voli cancellati (cui è applicabile l’art. 7 del Regolamento CE n. 261/2004) qualora, a causa di ritardo aereo, subiscano una perdita di tempo pari o superiore alle tre ore, ossia quando giungono alla loro destinazione finale tre ore o più dopo l’orario di arrivo originariamente previsto dal vettore aereo.