Decorazioni, Pasticcerie, Pagliacci, FotoVideo, Cantanti, Asilo NIdoRistoranti, Bar, GelateriaAvvocati, Dentisti, Medici, Caf, Informatici, tecnici, professionistiEstetica, Parrucchieri, Cosmetici, Nutrizione, BenessereAlimentari, Vestiti- Scarpe, ArtigianatoTours, Biglietteria, Corriere, MutuiRistrutturazioni, Idraulici, Elettricisti, ImbianchiniConsolati e AmbasciateApri la mappa

Locales

Addio flop a letto, arrivò il "francobollo dell'amore" (VIDEO)

23 Mayo.- Niente più brutte figure sotto le lenzuola. Un cerottino che si scioglie in bocca e fa effetto dopo circa mezz’ora promette di correre in soccorso di tutti gli uomini che soffrono di disfunzione erettile.

Si può parlare di una vera e propria rivoluzione per il trattamento delle disfunzioni dell’erezione, grazie anche ai diversi dosaggi disponibili che permettono di personalizzare la terapia (25, 50, 75 e 100 mg, in confezioni da 2 a 8 “francobolli”) e l’effetto è assicurato dopo appena 30 minuti dallo scioglimento sulla lingua. Gli effetti durano oltre un’ora.

También te puede interesar: Vaccini, 12 obbligatori a scuola, nido e materna

Non sarà dunque necessario pianificare il rapporto: le compresse altresì, richiedono in media tre ore per fare effetto.

Secondo gli ultimi dati della Società italiana di urologia (Siu), il 30% dei maschi italiani è affetto da disturbi sessuali (il 15,5% disfunzione erettile, il 7,5% eiaculazione precoce, il 7,6% calo della libido) e patologie testicolari. Secondo Paolo Mariano Pagano, farmacia Colle Oppio di Roma, l’atteggiamento degli uomini nei confronti di questi farmaci “è cambiato – osserva – forse qualche anno fa era più timidi nel richiederli. Oggi per molti non dico che è come chiedere una aspirina ma siamo lì”.

Il cerotto potrebbe dunque riscuotere grande successo, anche perché, evidenziano alcuni addetti ai lavori, l’atteggiamento degli uomini nei confronti di questi farmaci è decisamente cambiato. “Qualche anno fa – spiega Paolo Mariano Pagano, un farmacista della Capitale – gli uomini erano più timidi nel richiederli. Oggi per molti non dico che è come chiedere una aspirina, ma siamo lì”.